Il futuro in una sfera di cristallo

sfere-cover-1

A Londra, in una teca del del British Museum, si può ancora oggi ammirare una sfera di cristallo di rocca del diametro di 5,2 cm. Secondo la tradizione, il manufatto apparteneva a John Dee, il mago a servizio della regina Elisabetta I.
Figlio di un cortigiano e dotato di un’intelligenza brillante, a vent’anni Dee si guadagnò la fama di avere poteri sovrannaturali realizzando gli effetti speciali per la messa in scena de La pace di Aristofane (nella fattispecie, una macchina volante a forma di scarabeo stercorario). Viaggiò in lungo e in largo per l’Europa e divenne famoso come scienziato e matematico. Nonostante fosse stato accusato di tradimento da Maria Tudor, e nonostante fosse sospettato di stregoneria dalle autorità religiose, conquistò il favore di Elisabetta diventando uno dei suoi più fidati consiglieri – per esempio, fu lui a stabilire la data dell’incoronazione della sovrana, il 15 gennaio 1559. Mise in piedi una vastissima biblioteca nella sua casa di Mortlake, che divenne punto di riferimento per studiosi e studenti. Perché Sua Maestà potesse creare l’Impero Britannico, istruì i navigatori che partivano alla conquista del Nuovo Mondo.

Dee era un uomo di scienza ed era anche molto religioso. Ben presto cominciò a pensare che la ragione umana non era sufficiente a indagare nei segreti della natura. Nel 1582 conobbe Edward Kelley, alchimista e occultista, che sosteneva di poter parlare con angeli e spiriti. Per partecipare a queste “conferenze spirituali” Dee costruì diversi manufatti “magici”, tra cui la sfera di cristallo, e riprese a viaggiare per l’Europa. Il sodalizio durò finché Kelley, riferendo un parere degli spiriti, disse che loro due dovevano condividere tutto, anche le mogli. Dee, all’epoca già anziano, soffrì di dover cedere la sua bella Jane al giovane collega, e così tornò in patria, dove finì i suoi anni da solo e in povertà.

Il personaggio del dottor Dee ha influenzato moltissimi scrittori, soprattutto britannici, sia per la sua personalità che per il singolare aspetto – «Era alto e slanciato. Vestiva un abito simile al camice degli artisti, con le maniche larghe e uno spacco… Una carnagione molto bella, leggermente rossa, una lunga barba bianca come il latte. Un uomo davvero bello» (così lo descrive l’antiquario Aubrey).

Shakespeare modellò su di lui il mago Prospero, protagonista de La tempesta.
In uno degli episodi più cupi di The Sadman (#5-6) di Neil Gaiman, John Dee si fa chiamare Doctor Destiny ed è un supercriminale evaso dal manicomio di Arkham. Si ritrova in possesso del rubino onirico di Sogno e ne sfrutta il potere per manipolare in modo orribile le menti e le azioni di alcuni sventurati, fino alla resa dei conti finale.

Si pensa anche (ma non ci sono fonti ufficiali a riguardo) che il dottor Dee abbia ispirato i maghi oggi più famosi della letteratura fantasy, Gandalf di Tolkien e Albus Silente di J.K. Rowling.
Silente ha direttamente a che fare con una sfera di cristallo contenente una profezia, da cui dipende il destino di Harry e anche quello del mondo magico. Ma non dimentica mai di sottolineare che «Le conseguenze delle nostre azioni sono sempre così complicate, così mutevoli, che predire il futuro è davvero molto difficile».

Certe volte farebbe comodo avere una profezia abbastanza vaga da non rivelarci come andrà a finire ma sufficientemente evocativa da suggerirci cosa fare. Ma, a meno di non incontrare una Sibilla Cooman particolarmente ispirata, dobbiamo decisamente farne a meno. In compenso, se vi piacciono le sfere, al Caleidoscopio ce n’è per tutti i gusti.

Annunci

Tesori sommersi

collana_moneta_nave_dettagli

Nell’epoca d’oro della pirateria, il bottino più ambito era l’argento spagnolo. Il metallo delle miniere boliviane, che sembrava inesauribile, era caricato su navi armate organizzate in un lungo convoglio che partiva per l’Europa solo due volte l’anno.
L’argento viaggiava sotto forma di monete, i pezzi da otto, così chiamati perché valevano 8 reali. Nell’uso comune potevano essere usati interi oppure divisi fino a otto spicchi. Quando non finivano nelle tasche dei pirati, i pezzi da otto arrivavano in Europa e da lì proseguivano il viaggio verso l’Estremo Oriente, dove erano usati per acquistare la seta e altre merci di grande valore.
I pezzi da otto erano all’epoca il carburante dell’economia mondiale. Nel continente americano erano così diffusi che le Colonne d’Ercole rappresentate sul verso della moneta, simbolo del Vecchio e del Nuovo Mondo, si trasformarono (si pensa) nelle due linee del dollaro moderno.

pezzi da otto

L’argento spagnolo faceva gola anche ai comuni cittadini. Molti decisero di andare alla ricerca delle navi affondate sperando fossero cariche di enormi ricchezze.
Un celebre cacciatore di tesori fu William Phips, americano di origini oscure che da semplice carpentiere riuscì a farsi finanziare nelle sue imprese nientemeno che dal re d’Inghilterra Giacomo II.
Nella sua carriera Phips riuscì a saccheggiare diversi relitti, tra cui quello della Nuestra Señora De La Concepción, mercantile naufragato nel 1641 al largo di Haiti a causa di un uragano. Grazie alle indicazioni di un superstite, Phips organizzò il recupero del carico usando il sistema della campana subacquea: i sommozzatori raggiungevano il relitto respirando l’aria conservata sotto la pesante campana di metallo, e potevano frugare per bene attingendo ad altre riserve d’aria contenute in barili vuoti disseminati sul fondo.

diving bell

Solo il bottino della Concepción valeva circa 210.000 sterline – ossia, se ho calcolato bene, circa 275.000 euro. Il re fu talmente contento dei risultati ottenuti da Phips che gli conferì il titolo di cavaliere e nel 1692 lo nominò addirittura governatore del Massachusetts. Per Phips fu una grande soddisfazione ma anche una bella gatta da pelare: proprio in quell’anno, in una città sotto la sua giurisdizione, Salem, scoppiò una selvaggia caccia alle streghe di cui si conserva ancora oggi il ricordo.

A chi vuole provare l’ebbrezza di frugare relitti con la campana subacquea, consiglio di giocare ad Assassin’s Creed 4: Black Flag
A chi invece preferisce maneggiare tesori senza fare troppa fatica, dedico una gallery di collane fatte da mia madre. I tesori della sua bottega, Il Caleidoscopio, non provengono dagli abissi del Mar dei Caraibi, ma si trovano in un paesino che a volte sembra scomparire dalla memoria del mondo.

Una storia per imparare a dire NO: “La principessa splendente”

kaguya_8

Un anziano tagliatore di bambù trova in una pianta che brilla una bambina così piccola da stare in una mano. Poiché non ha figli, con la moglie decide di adottarla. La bambina cresce con una rapidità sorprendente e si adatta facilmente alla vita tra i boschi e ai giochi con i ragazzi del villaggio. Quando però il tagliatore trova nei bambù oro e stoffe pregiate, si convince che è suo dovere crescerla come una principessa, e fa trasferire la sua famiglia in una grande casa in città.

La bambina diventa presto una fanciulla straordinariamente bella e le viene dato il nome di Nayotake no Kaguya-hime, ossia “Principessa splendente del flessuoso bambù”.
Kaguya non è però contenta della sua nuova condizione. Una principessa non corre e non suda, non esce di casa e non parla con gli estranei se non dietro un paravento di bambù.
Una principessa non è che un oggetto prezioso da custodire e, di tanto in tanto, esibire.

Intanto, la fama della bellezza di Kaguya arriva all’orecchio dell’imperatore, che la vuole a palazzo come nuova moglie.
Una principessa non può dire di no all’imperatore perché nessuno dice di no all’imperatore.
Ma Kaguya non è come gli altri.
Appartiene al Regno della Luna. Era venuta sulla Terra perché, affascinata dai sentimenti che gli umani provano l’uno verso l’altro, voleva vivere come una di loro. Ma adesso è infelice e qualcuno verrà a prenderla per riportarla indietro, facendole dimenticare tutto quello che ha vissuto sulla Terra.

Kaguya ritrova la sua libertà tornando sulla Luna. Ma noi, che siamo di questo mondo e su questo mondo dobbiamo restare, non possiamo aspettare che qualcuno ci salvi. Dobbiamo imparare a non farci schiacciare.
Come il Cavaliere Nero.

* * *

Il racconto di un tagliabambù (Taketori monogatari) risale al X secolo e pare sia il più antico testo narrativo giapponese. La versione che ho riportato non è quella classica, bensì la rivisitazione fatta da Isao Takahata nel film d’animazione La storia della principessa splendente.
Il film è straordinario anche per come la storia è stata disegnata. La tecnica adottata si ispira al sumi-e, una forma d’arte che consiste nel dipingere solo con inchiostro nero e con un gesto calligrafico, deciso, preciso ed essenziale.

La storia di Kaguya, molto popolare in Giappone, ha naturalmente ispirato moltissimi artisti, tra cui alcuni autori di manga e anime. Le principali eredi di Kaguya sono due:
Sailor Moon di Naoko Takeuchi, dove si parla della principessa del Regno della Luna ma dove non c’è un rimando diretto alla leggenda (l’unico personaggio di nome Snow Kaguya sembra somigliare alla Regina delle Nevi della fiaba di H.C. Andersen);
La regina dei 1000 anni o Queen Millennia di Leiji Matsumoto, dove la protagonista è il diretto successore di Kaguya e con i suoi amici si assume il compito di difendere la Terra e l’umanità dalla distruzione (per i nostalgici, qui si può ascoltare la sigla italiana dell’anime).

Avvistamenti di fate

Pochi giorni fa il Corpo Forestale dello Stato ha dichiarato di avere in archivio un fascicolo intitolato Gnomi e fate dei boschi. Il documento raccoglie le segnalazioni degli avvistamenti di creature misteriose raccolte in circa 15 anni.

Tra le segnalazioni c’è una foto scattata da un signore di Cesena che sembra ritrarre un ometto dalle orecchie a punta chino sulla neve. La testimonianza del signore, molto rispettabile e per niente incline a fare scherzi stupidi, è stata considerata sincera ma la foto è poco chiara. E poi c’è il fatto che l’avvistamento, come quasi tutti quelli raccolti nel fascicolo, riguarda l’area dell’Appennino tosco-romagnolo, dove da secoli si raccontano storie su elfi e gnomi.
Quindi il fatto che la Forestale abbia raccolto le segnalazioni non significa che siano vere.
Voi che cosa vedete nella foto in questione?

Forestale_fascicolo_gnomi Forestale_foto

 

Gli avvistamenti archiviati dalla Forestale fanno venire in mente un’altra vicenda ormai leggendaria.
Nel 1922 sir Arthur Conan Doyle, autore di Sherlock Holmes e sostenitore del metodo scientifico per la conduzione delle indagini, scrive un libro inchiesta intitolato Il ritorno delle fate. Sir Arthur sostiene che le fate esistono sulla base delle foto che due ragazzine avevano scattato in un bosco dello Yorkshire.

Cottingley_Fairies_1_article

Nel villaggio di Cottingley, le cugine Elsie Wright e Frances Griffiths tornano a casa dopo aver giocato nel bosco. Frances viene aspramente rimproverata perché ha il vestito sporco e pieno di fango. Elsie la difende dicendo che era caduta nel torrente per giocare con le fate. Qualche giorno dopo, le due ragazzine tornano nel bosco e scattano delle foto con la macchina fotografica del padre di Elsie.

Vedendo le foto, l’ingegner Wright continua a pensare che siano tutte stupidaggini, ma sua moglie comincia a crederci. La vicenda attira l’attenzione di sir Arthur, che stava scrivendo di fate per conto dello Strand Magazine. Sir Arthur va sul posto e, nonostante lo scetticismo iniziale, si convince che le bambine dicano la verità e dichiara di credere nell’esistenza delle fate.

Nel 1983 Frances rivela la verità.
Elsie aveva parlato delle fate per difenderla dai rimproveri. Le due avevano poi pensato di fare uno scherzo ai genitori. Avevano così ritagliato e ritoccato i disegni di un libro per bambini, Princess Mary’s Gift Book, e scattato le foto. Nessuna delle due immaginava che nello scherzo sarebbe caduto persino il creatore di Sherlock Holmes e con lui centinaia di persone.

CottingleyFairies4 CottingleyFairies2

Infine, un’altra storia (quasi) vera.
Nel 1991 morì Lady Angelica, l’ultima erede della famiglia Cottington. Nessuno la conosceva di persona perché fin da bambina era vissuta reclusa, con la governante come unica compagnia. Prima che il palazzo di famiglia fosse abbattuto per fare posto a degli uffici, fu ritrovato il suo diario. Angelica riusciva a vedere le fate e le collezionava schiacciandole tra le pagine come se fossero fiori.
Qualche anno dopo Brian Froud riprodusse fedelmente il diario, che fu pubblicato col titolo di Lady Cottington’s Pressed Fairy Book.
Eccovi un piccolo estratto.

Final-Faerie

pressedfaeries-15b2 Pressed-Faerie_12x16-22Bjpeg Pressed-Faerie_12x16-10 Pressed-Faerie_12x16-2

12970dba4f37c4dcb6612b2d7039b5db 2_Lady_Cottingtons_Pressed_Fairy_Book_Little_Gatherer_0 Brian_Froud_-_Lady_Cottington_Pressed_Faerie