Liebster Award 2015

liebster-award1Il Liebster Award è una catena di Sant’Antonio che ha lo scopo di segnalare il lavoro dei blog piccolissimi. Ringrazio Raffaella per la nomination e vi invito tutti a fare un salto sul suo blog, La prossima volta mamma.

Le regole per partecipare sono le seguenti:

  • Ringraziare il blog che ti ha nominato
  • Rispondere alle 10 domande
  • Nominare altri 10 blog con meno di 200 follower
  • Comunicare la nomina ai 10 blog scelti

Ecco la mia auto-intervista:

Perché hai aperto un blog?
Mi sembrava il posto giusto per raccogliere le generalità degli esserini fatati che fabbrico con carta e fil di ferro.

Ci parli un po’ delle tue passioni?
Mi piacciono le storie. Penso che siano utili per farci riflettere sulla nostra vita e spingerci a trasformarla. Mi piace stare con i bambini perché pensano come me che le fiabe siano vere.

Quanto pensi che i commenti e le interazioni siano utili per un blogger e in che modo?
È difficile trovare l’equilibrio tra le ragioni personali che ti fanno aprire un blog e l’esigenza di comunicare con gli altri. I commenti dei lettori aiutano a trovare la strada giusta, a capire che cosa può essere interessante esplorare.

Di cosa parli nel blog?
Riferisco le fiabe, i miti e i racconti che mi aiutano a interpretare la realtà. Le storie forniscono spesso soluzioni ai problemi quotidiani, anche a quelli che sembrano insolubili.

Hai creato un rapporto di amicizia con altre blogger? Vi siete mai conosciute personalmente?
Con gli altri blogger è più facile creare un rapporto professionale, perché spesso si hanno interessi in comune. L’amicizia presuppone una frequentazione assidua della persona, oltre che del suo blog. Finora non mi è mai successo.

Come immagini il tuo blog tra due anni? Vorresti vederlo crescere/cambiare e in che modo?
Un blog in cui affidi la parte più creativa di te cresce solo se ci credi. Mi auguro quindi di scrivere più regolarmente cose più interessanti, in modo da avere più lettori e non poter più concorrere per il Liebster Award.

La cosa che sai fare meglio?
Leggere storie. Pensare a come un oggetto possa trasformarsi in qualcos’altro, per esempio a come un piatto di carta possa diventare una nave pirata.

Quanto tempo dedichi al tuo blog?
Poco. Mi concedo di scrivere solo dopo aver finito tutto il resto, come la matrigna di Cenerentola.

Come nascono i tuoi post?
Quando scopro l’esistenza di un nuovo esserino fatato. Quando succede qualcosa di terribile e voglio elaborarlo attraverso una storia. Quando trovo qualcosa di veramente bello.

Un saluto a chi legge?
Grazie di essere arrivato/a fin qua.
Visto che hai avuto tanta pazienza, perché non dai uno sguardo al mio blog e mi dici che cosa secondo te non funziona? ;)

E infine, ecco le mie nominations :

Il cantafiabe smemorato perché raccoglie fiabe e illustrazioni stupende

The faery folklorist perché esplora i luoghi reali delle leggende irlandesi

A misura di bimbo perché raccoglie quel che in una casa piacerebbe ai più piccoli

Il ramo di corallo perché è scritto dalla traduttrice di Thomas C. Croker

Cappello a bombetta perché propone lavori creativi interessanti

La via dell’ambra perché raccoglie lavori e riflessioni di una costumista in gamba

Il palazzo di Sichelgaita perché riferisce storie e studi su un personaggio storico a me molto caro

Quaderni slavi perché è scritto da una bravissima libraia ed è dedicato alle letterature dell’Est

Cosas de absenta perché racconta Barcellona con curiosità e competenza

Rosmillario perché combina la passione per il cucito e per i film in bianco e nero

Strettalafoglia su Sesamo

Vi va di inventare un drago tutto vostro?
Basta esplorare le fiabe del mondo, raccogliere qualche oggetto di recupero e far correre l’immaginazione.
Per i dettagli, fate un salto su Sesamo, la rivista di didattica interculturale di Giunti.
Grazie ancora a Sinnos Editrice. Non solo per i suoi libri.

PS: Altri dettagli sul laboratorio “inventadraghi” li trovate qui.

Sesamo

“Una scatola gialla” a Più libri più liberi

unascatolagialla

«Che cosa c’è nella scatola, in quella gigantesca scatola che il pilota ha trasportato all’aeroporto?
“Ci sarà un elefante”, pensa il comandante, e con grande attenzione carica la scatola sulla sua nave».

Una scatola gialla può contenere tutto quello che ci suggerisce l’immaginazione. Scopriamolo insieme nella lettura animata del Semaforo blu del libro Una scatola gialla di Pieter Gaudesaboos (Sinnos Editrice), seguita da un laboratorio (fatto da me!).
Per bambini estremamente curiosi, dai 3 anni in su.
L’appuntamento è per venerdì 5 dicembre alle 17:30 nello Spazio Ragazzi al Palazzo dei Congressi a Roma, in occasione della fiera Più libri più liberi e in collaborazione con il Laboratorio d’arte di Palazzo delle Esposizioni e Scuderie del Quirinale.

i pirati di Ponte Ponente

2011_the_pirates_band_of_misfits_008

Quindici uomini all’arrembaggio
Yo Ho Ho e un sorsetto di rum
Vento alle vele, comincia il viaggio
Yo Ho Ho e un sorsetto di rum

Sabato 29 marzo alle 17:00 nella libreria Ponte Ponente, via Mondovì 19/21/23 (Roma).

Età consigliata: 3-6 anni.
Costo: 8 euro, materiali inclusi.
Prenotazione obbligatoria: 06.45426682 – info@ponteponente.it

I testi di riferimento sono di Sinnos EditriceLorenzo e la Costituzione di Daniela Longo; Nina e i diritti delle donne di Cecilia D’Elia; Diego e i diritti dei lavoratori di Flaminia Fioramonti; Tina e i diritti dei bambini di Francesca Quartieri.

Vi aspettiamo!

con “La gatta vagabonda” alla Fiera di Bologna

140127_gattavagabonda

«Un giorno una gatta viaggiatrice comprese che stava per mettere al mondo dei bellissimi gattini.
Ma c’era un problema: a forza di viaggiare, la gatta non aveva una casa o una tana, dove i suoi gattini potessero nascere e crescere tranquilli.
La gatta vagabonda doveva trovare una soluzione».

Come proseguirà la storia?
Scopriamolo insieme nella lettura animata (fatta da me!) de La gatta vagabonda (Sinnos Editrice), seguita dal laboratorio con le autrici Catherine Zarip e Aino Pervik. Per bambini dai 3 anni in su.
L’appuntamento è per lunedì 24 marzo alle 10:30 nel Padiglione 33 (Libreria, Spazio bebè) a BolognaFiere, accanto alla straordinaria Bologna Children’s Book Fair.

Per partecipare occorre prenotare telefonando allo 051 6154463 oppure scrivendo a elena@gianninostoppani.it.