la vera (?) storia di Jack-o’-lantern

Candele zucche

Una volta, parecchi anni fa, il diavolo si appostò sulla strada che usciva da un oscuro villaggio irlandese. Aspettava un uomo che aveva fama di astuto imbroglione, insaziabile beone e incredibile taccagno. “Stingy Jack ne sa una più del diavolo”, dicevano. Era quanto bastava per portarselo all’inferno. A notte fatta e a sbornia conclusa, Jack sarebbe passato di lì per tornare a casa. E infatti così accadde.

Jack chiese al diavolo di brindare alla sua dipartita. Il diavolo acconsentì.
“L’oste non mi farà credito. Trasformati in una moneta d’argento, perché possa pagarmi l’ultimo bicchiere”.
Il diavolo divenne una moneta d’argento, e si vide imprigionare in un borsello di stoffa con una croce ricamata.
Fu costretto a contrattare per la sua libertà: un altro anno di vita per Stingy Jack.

Dopo un anno il diavolo, puntuale, si ripresentò.
“Non voglio morire a stomaco vuoto. Prendimi una mela su quell’albero, perché possa mangiare un’ultima volta”.
Il diavolo si arrampicò tra i rami, ma quando fece per scendere si accorse che Jack aveva inciso una croce sul tronco.
Anche stavolta fu costretto a contrattare per la sua libertà: Stingy Jack non sarebbe mai finito all’inferno.

Quando venne l’ora, Stingy Jack morì.
Le porte del paradiso erano chiuse per quelli come lui, e così andò all’inferno. Ma il diavolo non lo fece entrare. Gli diede una brace infernale che gli illuminasse la via nella sua vana ricerca di un posto dove riposare.
Stingy Jack prese una rapa e la vuotò per usarla come lanterna.

Si dice che alla vigilia di Ognissanti torni tra i vivi. Chi appende fuori casa una lanterna gli ricorda che quello non è posto per lui. Tra il 1845 e il 1849 in Irlanda ci fu una terribile carestia che costrinse moltissime persone a emigrare negli Stati Uniti. Qui la rapa venne sostituita con la zucca, che era più comune, sia nella dieta quotidiana che nella costruzione di lanterne di Halloween.

PS: Se intagliate una lanterna, non buttate il ripieno! Ecco un’idea golosa su come impiegarlo:

halloween_biscotti

I biscotti alla zucca di GialloZafferano

Annunci

Rispondi

Inserisci i tuoi dati qui sotto o clicca su un'icona per effettuare l'accesso:

Logo WordPress.com

Stai commentando usando il tuo account WordPress.com. Chiudi sessione / Modifica )

Foto Twitter

Stai commentando usando il tuo account Twitter. Chiudi sessione / Modifica )

Foto di Facebook

Stai commentando usando il tuo account Facebook. Chiudi sessione / Modifica )

Google+ photo

Stai commentando usando il tuo account Google+. Chiudi sessione / Modifica )

Connessione a %s...