sui castelli fatati

È risaputo che Buon Popolo e Scontenti dimorano all’interno di alcune colline – un occhio attento le riconosce perché in genere sono poco alte e hanno una forma inconsueta (volete vederne alcune? Date una sbirciatina qui). Eppure costruiscono qua e là castelli di ogni forma, tipo e dimensione: hanno l’aspetto di luoghi sicuri e inattaccabili; sono sempre edifici singolari e ben fatti, visibilmente pieni di ogni sorta di comodità; infine, per sottolinearne ulteriormente l’importanza e l’inviolabilità, tutti recano sul portone principale le insegne della Regina. Se vi dico che non si tratta di fortificazioni su territori invasi contro la volontà di qualcuno, né proprietà esclusiva di poche persone con troppi privilegi, secondo voi che cosa sono?

Ogni castello fatato è un rifugio – per chi è stanco di quel che ha fatto e di quel che ancora deve fare, è un ristoro, un incoraggiamento, un talismano.

Benvenuti.

Annunci

5 pensieri su “sui castelli fatati

  1. Pingback: Roald Dahl Day 2013 | strettalafoglia

  2. Pingback: qualche giorno al lago | strettalafoglia

  3. Pingback: in un guscio di noce | strettalafoglia

  4. Pingback: un castello sull’albero | strettalafoglia

  5. Pingback: l’Ultima Dimora Accogliente | strettalafoglia

Rispondi

Inserisci i tuoi dati qui sotto o clicca su un'icona per effettuare l'accesso:

Logo WordPress.com

Stai commentando usando il tuo account WordPress.com. Chiudi sessione / Modifica )

Foto Twitter

Stai commentando usando il tuo account Twitter. Chiudi sessione / Modifica )

Foto di Facebook

Stai commentando usando il tuo account Facebook. Chiudi sessione / Modifica )

Google+ photo

Stai commentando usando il tuo account Google+. Chiudi sessione / Modifica )

Connessione a %s...