febbraio – note

Qui di seguito l’apparato critico di curiosità e spunti che potrebbe essere utile a chi decida di seguirmi nell’esplorazione della collina in questo mese (neve permettendo).

1) Febbraio, così come gennaio, nasce per volontà di Numa Pompilio, uno dei fantomatici sette re di Roma. Il nome deriverebbe dal verbo februare, letteralmente ‘purificare’, poiché questo mese, cupo e freddo nonché coincidente con la fine dell’anno (che per gli antichi romani cominciava a marzo), era dedicato, oltre che ai defunti (21 febbraio, Feralia), ad alcune divinità legate alla morte, l’etrusco Februus, poi Febris, numen malefico associato alla malaria, e Fauno Luperco, che proteggeva dai lupi (15 febbraio, Lupercalia) – con l’avvento e la diffusione della religione cristiana questi culti vengono sostituiti con altre cerimonie in cui si conserva la finalità di purificazione: la Candelora (2 febbraio) e la festa di Santa Febronia (14 febbraio, poi rimandata a giugno e sostituita con il più solare San Valentino).

Pare che ai tempi di re Numa febbraio avesse 29 giorni. Augusto stabilì di abbreviarlo di un altro giorno per allungare agosto: non voleva che il suo mese fosse più breve di luglio, dedicato a Cesare. Accorciare un mese di buio inverno e di sacrificio: chi poteva mai lamentarsene?

2) Sul secondo mese dell’anno esistono molti proverbi, segno del fatto che si trattava di un periodo importante per la civiltà contadina, in cui i ritmi dell’uomo erano strettamente legati a quelli della natura. Febbraio corto e amaro, oppure Febbraio d’ogni mese è il più corto e il men cortese: sono detti che tradiscono l’insofferenza verso l’inverno che si inasprisce ma soprattutto la preoccupazione di chi calcola la progressiva riduzione delle scorte di cibo e il rischio delle incursioni dei lupi, anch’essi affamati. La neve di febbraio ingrassa il granaio, o anche Primavera di febbraio reca sempre qualche guaio suggeriscono invece che, per quanto spiacevole, è bene che la cattiva stagione imperversi in tutta la sua potenza perché questo è il momento in cui può recare meno danni. La saggezza contadina, sebbene a volte sembri rassegnata, sa cavare il buono da un male inevitabile.

L’immagine che fa da copertina al febbraio di Strettalafoglia è tratta da le Très Riches Heures du Duc de Berry, un libro di preghiere, realizzato dai fratelli Limbourg per il duca Jean de Berry (1415 circa), dove compaiono le illustrazioni dei 12 mesi dell’anno. I maestri miniatori leggono i cambiamenti della campagna e delle varie fasi del lavoro contadino secondo il gusto estetico proprio dell’aristocratico committente (il cosiddetto gotico internazionale, analitico ed elegante): il risultato sono immagini nitide, precise e assolutamente irreali, o meglio, fiabesche – non vi ricordano forse le illustrazioni dei libri di fiabe che leggevate da piccoli? O le scene iniziali di Azur e Asmar di Michel Ocelot, metà fiaba francese e metà novella orientale?

3) Febbraio è per definizione il mese di Carnevale, festa collegata più o meno direttamente alla Pasqua cristiana ma in realtà di origini pagane molto antiche, probabilmente riti legati alla fine dell’inverno e l’inizio della primavera, e quindi alla morte e alla vita. Inequivocabile lo scopo e il senso di questa festa: la violazione della realtà quotidiana e quindi l’alterazione delle abitudini e il capovolgimento dei ruoli. Una bella manifestazione di rovesciamento carnevalesco al quadrato è quel capolavoro del grottesco di Pieter Bruegel il Vecchio, La battaglia tra Carnevale e Quaresima (1560 circa), messo a soqquadro da Ursus Wehrli.

Capovolgere le cose per riscoprire prospettive nuove: è la caratteristica di uno dei personaggi più affascinanti e complessi della Collina, monsieur Bauta.

(Incredibile quanto gli piaccia mettersi in mostra…)

Annunci

Un pensiero su “febbraio – note

Rispondi

Inserisci i tuoi dati qui sotto o clicca su un'icona per effettuare l'accesso:

Logo WordPress.com

Stai commentando usando il tuo account WordPress.com. Chiudi sessione / Modifica )

Foto Twitter

Stai commentando usando il tuo account Twitter. Chiudi sessione / Modifica )

Foto di Facebook

Stai commentando usando il tuo account Facebook. Chiudi sessione / Modifica )

Google+ photo

Stai commentando usando il tuo account Google+. Chiudi sessione / Modifica )

Connessione a %s...